La crisi economica sta continuando a lasciare enormi strascichi. In questo olocausto sono oramai coinvolte almeno tre generazioni che si barcamenano chi per ritrovare il proprio lavoro, chi per reinventarsi, chi per iniziare solo a sperimentarsi. La matrice comune per tutti resta l’incertezza. La precarietà che diventa la normale quotidiana che non consente di fare progetti, di staccarsi dai genitori, o che fa tornare dai genitori se si ha ancora la fortuna di averli, che non permette di creare famiglia, prendere un mutuo o pensare a dei figli, ma soprattutto che fa perdere la percezione di sé stessi davanti al mondo. Specialmente nella società occidentale il ruolo lavorativo rappresenta uno degli aspetti pregnanti della propria identità sociale. Il non potersi rappresentare come persona che produce genera in chi subisce la disoccupazione un senso di vuoto difficilmente colmabile. La consulenza sociale di cura accompagna la persona a superare gli stereotipi di questo sistema sociale e il conseguente senso di colpa da fallimento personale insito in questo modello economico, aiutandola nella ristrutturazione di una nuova identità congruente con la riscoperta dei propri bisogni sommersi.

Il percorso di cura sociale si basa sul CSC Model ovvero: il Modello della Consulenza Sociale di Cura che propone un metodo sviluppato su approccio di tipo sociologico e socio-terapeutico e mira ad analizzare le identità dell’individuo: identità da vissuto, identità sociale, identità reale/virtuale, valutando come l’individuo è stato rappresentato, come è rappresentato, come si rappresenta. La finalità di questo lavoro con la persona è quella di renderla consapevole di come le varie identità agiscono oggi nel suo presente, andando ad evidenziare ridondanze esistenziali e sintomi comportamentali espressi che ostacolano nel presente l’omeostasi identitaria.

  • Interrompere il circolo di fallimento/sfiducia in cui la persona si sente sprofondata
  • Fornire alla persona la possibilità di comprendere l’origine dei propri comportamenti disfunzionali nel presente che possono essere causa di inadeguatezza sociale e lavorativa.
  • Fornire la possibilità di elaborare le cause che originano l’inadeguatezza del presente (scarico della rabbia/gestione della rabbia/perdono assoluzione quando possibile)
  • Fornire alla persona nuovi strumenti funzionali alla propria situazione che prevedano la messa in luce dei propri bisogni reali e quindi un orientamento lavorativo congruente a questi.
  • Spostare l’identità della persona da lavoratore no lavoratore a quella di essere umano con la propria unicità
  1. Consapevolezza della condizione di disoccupato (questa fase fa entrare in contatto la persona con i proprio dolore, le proprie paure, la propria rabbia)
  2. Consapevolezza razionale (in questa fase la persona, presa coscienza delle proprie ridondanze esistenziali, è in grado di comprendere dove si origina il suo conflitto e come questo si manifesti nel presente in sintomi comportamentali che si ripercuotono nella ricerca funzionale e o concretizzazione di una nuova occupazione)
  3. Consapevolezza emotiva (la persona mette in discussione la propria identità da vissuto attraversando le fasi di scarico della rabbia/richiesta di aiuto alle persone significative/perdono)
  4. Consapevolezza identitaria (la persona ricompone il proprio puzzle identitario, immaginando modalità alternative per superare le proprie difficoltà e comprendendo quelli che possono essere dei comportamenti diversi e funzionali ai propri bisogni reali).

La Rete AURORA accoglie sia richieste dirette delle persone che necessitano di aiuto, sia invii di servizi pubblici o privati, nonché di studi legali.

Per ogni tipo di richiesta sarà elaborato un percorso specifico con contratto di mandato professionale, progetto di aiuto, e se necessario, certificazioni, relazioni di percorso.

Chiamare il numero:   338 348 9008      

oppure  email: info@serviziosocialeaurora.it

Il percorso ha una durata che varia da 5 a 12 incontri di 1 ora circa ciascuno da effettuarsi ogni 15 giorni, per un arco di tempo di circa sei mesi, ma può essere differenziato caso per caso a seconda del bisogno come definito all’interno del piano personalizzato di cura che si concorderà.

I costi variano a seconda dei territori di riferimento in cui possono essere attivi progetti di finanziamento pubblico a copertura. Nel caso non vi fossero finanziamenti il costo resta comunque agevolato ed è pari a Euro 50,00 /ora (anziché 70,00) per il numero di ore stabilite nel piano di cura. Sono disponibili offerte a pacchetti specifici che possono essere contrattate al momento

I servizi sono offerti in TUTTA ITALIA attraverso la consulenza professionale online o in sede, con procedure di sicurezza e riservatezza, testate e garantite.Sedi fisiche operative si trovano nelle regioni Toscana, Marche, Emilia-Romagna

Altre sedi in luoghi diversi messi a disposizione dai servizi pubblici o da altri professionisti di quel territorio si potranno
attivare secondo necessità di incontro fisico diretto dei richiedenti in zone specifiche e secondo accordi tra le parti.

Segreteria amministrativa
@mail: info@serviziosocialeaurora.it
Mobile: 333 8822385

Segreteria tecnico professionale
@mail: info@serviziosocialeaurora.it
Mobile: 338 348 9008

Contattaci !

Se vuoi avere maggiori informazioni
da un nostro referente.

Verrai richiamato entro 24 ore

Nome*
E-mail:*
Mobile:
-

Acconsento al trattamento dei dati personali  - Leggi l'informativa

scrivi i caratteri che vedi qui :